India

Alcune curiosità sull’India (piccola guida semi-seria)

india (1 di 1)-3

l’India si mostra a te senza riserve, ti spazza via per un motivo o per l’altro tutte le tessere che hai ordinato con pazienza. Puff! Cadute una sull’altra, e con un solo respiro. Spesso si parla di realtà difficili, di regole assurde, di situazioni che non vorremmo nè vedere nè capire. Se volete leggere notizie tristi non è il blog che fa per voi, in questo spazio racconto soprattutto cose belle, luoghi da vedere, ricette da provare, particolari insoliti e curiosità.  Pur nella sua complessità e durezza l’India  è un luogo che non smette mai di sedurmi, riportandomi ad una dimensione più spontanea e verace della vita. Per puro diletto oggi propongo un articolo poco serio su prezzi, parole, usanze diverse e dissuasori di cattive abitudini. La prossima volta che sarete in viaggio guardatevi intorno (e fateci caso).

Read More»

La città fantasma di Fatehpur Sikri

fatehpur sikri (1 di 1)-10

Costruita in quindici anni, abbandonata dopo tredici. Fathepur Sikri doveva essere il gioiello dell’architettura e dell’urbanistica dell’impero moghul ma qualcosa andò storto. L’acqua iniziò a scarseggiare e le necessità dell’impero a cambiare, motivo per cui la corte del colto imperatore Akbar si spostò presto più a Nord, a Lahore (oggi Pakistan). Cosa resta oggi del meraviglioso progetto? Una silenziosa città abbandonata, imponenti monumenti in arenaria rossa ancora in perfetto stato di conservazione e un luogo di pellegrinaggio visitato da fedeli di diverse religioni.

Read More»

Da Kalka a Shimla a bordo del Toy Train

shimla train (1 di 1)-6

Mi piace molto raccontare dell’India preferita dai turisti indiani, luoghi che in Italia pochi conoscono, dimenticati negli itinerari per mancanza di tempo o perchè non corrispondenti all’immagine che dell’India si finisce per cercare, per attendere (e anche per prenotare). Oggi racconto di un lento viaggio sui binari di una ferrovia storica che da Kalka, piccola città dell’Haryana ci porta a Shimla, capitale estiva durante l’occupazione britannica, attraverso montagne, lunghissimi tunnel al buio e scenografici ponti di pietra.

Read More»
Share On Facebook
Share On Twitter