Thailandia

Wat Arun e Wat Pho, le due sponde del fiume Chao Praya

wat arun bangkok (1 di 1)-4

Iniziando a parlare di una città come Bangkok non ho che l’imbarazzo della scelta. La metropoli tentacolare misto di antico moderno e ultramoderno sotto molti aspetti mi ricorda Mumbai, soprattutto nella skyline, nelle file di taxi (non neri come quelli indiani ma rosa shoking) e nella distesa di edifici che si perde all’orizzonte tra case della gente comune e sfavillanti grattacieli. A Bangkok ho dedicato più tempo di quello che avevo in programma perchè non solo è enorme e attraente ma ci sono tanti luoghi d’interesse che non si possono depennare. Per esempio due bellissimi templi sulle rive opposte delle stesso fiume. Wat Arun, il tempio dell’alba, e Wat Pho, luogo dove il riposa in Grande Buddha Disteso, entrambi visitabili nell’arco di mezza giornata. Salite su uno dei frequenti battelli e passate da una sponda all’altra tra decorazioni floreali nate da un magnifico riciclaggio di materiali e una statua gigantesca ricoperta interamente d’oro

Read More»

Koh Samui, l’isola felice

koh samui 1

Palme da cocco, spiagge lunghissime di sabbia fine, bianca o dorata, sunset points. Koh Samui pare davvero l’isola dei sogni, con il vantaggio di essere ben organizzata e gestita con rigore. L’attenzione che i thailandesi prestano all’accoglienza turistica è proverbiale, così come la pulizia degli alberghi e dei ristoranti e la cura dei dettagli. L’atmosfera è piuttosto tranquilla (o almeno lo è se paragonata alla vicina Ko Phan Ngan famosa per i suoi sfrenati full moon parties) e si ha la possibilità di trovare hotel di buon livello a prezzi molto vantaggiosi, se non quasi da ostello. Tutto vive di turismo nell’isola ma non si tratta di un’invasione selvaggia come credevo, forse non è più la stessa di qualche anno fa ma il peggio è stato schivato. Sono stata felice di vedere che gli hotel si integrano bene nel verde, nelle spiagge non si piantano molti ombrelloni (anzi sono quasi tutte libere) e alle strutture alberghiere si intervallano chilometri e chilometri di natura, fiori, frutta e cascate. Data la sua popolarità me la immaginavo diversa e sono rimasta sorpresa in positivo. 

Read More»
Share On Facebook
Share On Twitter