Aloo Rasedar, il potato curry che si mangia fuori casa

aloo rasedar (1 di 1)

Nelle stazioni, nei baracchini lungo la strada, oppure nelle tavole calde improvvisate in ogni luogo del Nord dell’India. Questo piatto tradizionale dello Stato dell’Uttar Pradesh ha le sue radici nella vita dei villaggi ma è oggi un popolare street food da consumare per uno spuntino fuori casa, naturalmente accanto a una piramide di puri (rondelle di pane fritte) o una paratha calda calda di piastra. Se volete provare a inondare la casa di inebrianti miscele di spezie questa è la ricetta dell’Aloo Rasedar, tanti profumi diversi per trasformare delle patate bollite in qualcosa di eccezionale.

 

Per questa ricetta avete bisogno di :

Patate bollite (almeno 5 e non troppo cotte e sfaldate)

Passata di pomodoro , 5 cucchiai almeno

1 pomodoro grande maturo

1 cipolla

2 spicchi d’aglio

1 fetta spessa di zenzero fresco

2 cucchiai di foglie di methi secche

semi di cumino (jeera)

un pizzico di polvere di hing

semi di finocchio

semi di methi

spezie: dhania powder (coriandolo in polvere), garam masala, amchur powder (mango disidratato) e deggi mirch (polvere di peperoncini non troppo piccante ma con un intenso colore rosso)

coriandolo fresco in foglie

mezzo limone

peperoncini rossi seccati (facoltativi)

olio per la cottura

 

Dubbi nella lista della spesa? Consultate il Dizionario A Z delle Spezie e degli Alimenti della Cucina Indiana

Cerchi un’altra ricetta? Trovala nell’Elenco Completo di quelle pubblicate!

 

1) La prima cosa da fare è lessare le patate. Devono essere cotte ma non sfaldarsi con la pressione della forchetta. Pelatele e mettete da parte.

2)  Ora tritate nel mixer la cipolla, l’aglio e lo zenzero. Se vi piace il piccante molto forte potete aggiungere anche un peperoncino verde. Non abusate di chillies perché tanto saranno presenti in varie forme, sia in polvere che disidratati, volendo potete evitare di aggiungerli nel soffritto. Questa ricetta si presta anche a una variante jain, ovvero senza aglio né cipolla, se preferite questa versione vi basterò schiacciare con il mortaio una o due grosse fette di zenzero.

3) Aggiungete in una pentola un filo d’olio. Quando è caldo fate cadere i semi di jeera (cumino), finocchio e methi. Ci sta bene anche un pizzico di polvere di hing. Unite poi la base del soffritto e lasciate prendere sapore per qualche minuto. Nel frattempo frullate il pomodoro fresco al mixer insieme ai cucchiai di passata pronta.

4) A questo punto versate il pomodoro, il sale e le spezie. Il sale e il Deggi Mirch a piacere, un cucchiaino di garam masala, uno di amchur powder e almeno tre di polvere di coriandolo secco. A differenze di altre ricette indiane in questo piatto non c’è la curcuma (haldi) perché la salsa una volta pronta deve avere un colore rossastro e non giallino. Mescolate, lasciate insaporire qualche minuto poi aggiungete almeno 2 tazze d’acqua e proseguite la cottura a fiamma bassa chiudendo la pentola con un coperchio.

5) Girate di tanto in tanto e dopo un po’ unite al composto anche le foglioline di methi disidratato.  Daranno un profumo intenso e un retrogusto amarognolo molto gradito. La presenza di questo ingrediente è fondamentale.

6) Ora unite le patate lesse tagliate a quadretti, mescolate e lasciate cuocere sempre a fiamma bassa ma togliendo il coperchio. Le patate devono iniziare a sfaldarsi (e non disfarsi del tutto tipo purè!) rendendo il composto ben cremoso. A questo punto il piatto è pronto. Aggiungete a fine cottura una spruzzata di succo di limone, una manciata di foglie di coriandolo fresco tritate e per i più coraggiosi dei peperoncini rossi secchi (interi). Godetevi il piatto con pane rigorosamente fritto, in genere puri (oppure paratha) si tratta di un cibo stuzzicante e bello strong, non proprio adatto alla dieta ma buonissimo.

aloo rasedar (1 di 1)-3

Chiudete gli occhi. In quale stazione indiana vi trovate? Aloo Rasedar è per me il profumo dei viaggi e degli spuntini veloci davanti ai treni in partenza.

 

CHE NE PENSI? Se il post ti è piaciuto, se hai domande oppure ho dimenticato qualcosa lascia un commento, sarò lieta di rispondere.