Kadhi Chawal con Pakora, crema di yogurt, polpettine … e tanto riso!

kadhi chawal

Il Kadhi Chawal è una combinazione di riso bianco e una salsa cremosa preparata con yogurt e farina di legumi (besan flour). Come per tutti i piatti della tradizione popolare ne esistono infinite versioni, anzi forse una per ogni casa. Quando si assaggia per la prima volta si fa prima una boccaccia poi uno sguardo dubbioso, alla terza cucchiata se ne è rapiti (alla quarta si decide di svuotare il pentolone). Il sapore è molto particolare, fresco, piccante, dolce e acidino al tempo stesso. La consistenza vellutata e le polpettine fanno il resto della magia. Infondo se è un piatto che in India piace a tutti, ma proprio a tutti, un  motivo ci sarà.

 

Per questa ricetta avrete bisogno di :

Farina di legumi (besan flour)

Yogurt al naturale

2 fette di zenzero

2 spicchi d’aglio

1 o 2 peperoncini verdi indiani

semi di cumino (jeera)

un pizzico di polvere di hing

foglioline di curry

spezie : haldi powder (1 cucchiaino e 1/2) , dhania powder (1 cucchiaino), polvere di red chillies (secondo il grado di tolleranza)

a piacere alcuni peperoncini secchi da aggiungere all’ultimo (per gli amanti dell’extra piccante)

sale

olio per la cottura + per la frittura delle polpettine

 

una pentola a bordi alti

una padella per friggere

un mixer a immersione

 

Cos’è la farina Besan? Come la trovo? E’ facilmente reperibile nei negozi etnici (chiamata anche Gram Flour). Per ogni dubbio sugli ingredienti potete consultare il Dizionario A Z delle spezie e degli alimenti della cucina indiana.

 

1) Versate lo yogurt in una ciotola, per due persone ne basta un vasetto. Aggiungete lo stesso quantitativo di farina besan e il triplo di acqua (es 1 bicchiere di yogurt – 1 di farina e 3 di acqua). Mescolate bene con una frusta per evitare che faccia i grumi.

kadhi chawal-2

2) Prendete una pentola con bordi alti, nel quale il composto dovrà bollire, mettete a scaldare un cucchiaio d’olio e fate soffriggere un pizzico di semi di jeera. Versate poi il composto di yogurt, farina e acqua. Mescolate e tuffate anche lo zenzero a pezzetti grossolani, l’aglio e i peperoncini freschi. Non vi preoccupate troppo di passarli perchè tanto poi la crema verrà uniformata con il frullatore a immersione.

kadhi chawal-4

3) Versate ora un altro bicchiere d’acqua, nel quale scioglierete tutte le spezie e il sale. Mescolate ancora una volta. Ora il colore della crema diventerà decisamente … giallo (e così deve essere) Lasciate cuocere a fiamma bassa per circa un’ora girando ogni tanto.

kadhi chawal-5

4) Mentre il kadhi cuoce potete avvantaggiarvi con le polpettine fritte (pakora) a base di farina di legumi. Preparate una pastella piuttosto soda solo con farina, acqua e un pizzico di sale.

kadhi chawal-6

5) Versate nell’olio bollente piccole dosi di pastella, io la faccio scendere con la punta di un cucchiaino fino a formare delle sfere. Non è importante essere troppo precisi perchè in ogni caso verranno ricoperte dalla crema di yogurt e potrete sempre togliere le varie “protuberanze” prima di tuffarle nel condimento.

kadhi chawal-7

6) Questo è l’aspetto delle palline dopo la frittura. Devono essere ben dorate (altrimenti la pasta dentro non si cuoce bene).

kadhi chawal-8

7) Quando il kadhi comincia a formare una patina solida ai bordi vuol dire che è cotto. Ora potete omogeneizzarlo con il frullatore a immersione per renderlo soffice soffice. Prendete ora un’altra pentola (anche se non ha i bordi molto alti va bene lo stesso) e versate dell’olio per soffriggere semi di jeera, un pizzico di hing, le foglioline di curry (e il peperoncino secco se vi piace). Versate poi tutta la crema facendo attenzione agli schizzi.

kadhi chawal-10

8) Lasciate cuocere altri 10 minuti e poi aggiungete le polpettine. Servite accanto a un bel piattone di riso basmati bianco.

kadhi chawal-11

 

CHE NE PENSI?  Se il post ti è piaciuto, se hai domande oppure ho dimenticato qualcosa lascia un commento. Sarò lieta di rispondere.