Lauki Kofta Curry, polpette di zucca veg

lauki koft-10

Qualche giorno fa al mercato, nel solito banco in cui compro anche le verdure indiane, ho visto un paio di signore che si chiedevano tra loro come cucinare una strana zucca verde. E una delle due ne ha guardata una aperta e ha detto “a me sembra che non sa di niente”. In parte aveva ragione, in realtà ha un sapore neutro, neanche troppo gradevole. Ma ha un vantaggio, riuscire a legare insieme altri ingredienti o prendere il sapore dei condimenti, una specie di camaleonte insomma, che assume aspetti diversi a seconda del contesto. Ci sono tanti modi per cucinare quello che in India si chiama Lauki (pronunciato l ò k i ) la ricetta più appetitosa lo vede trasformato in polpette con farina di legumi (la stessa usata per il kadhi chawal, pakora, etc…). Evvai!! Si frigge anche oggi!!

 

Per questa ricetta avrete bisogno di :

1 lauki , zucca dolce fuori verdastra e dentro bianca, si trova facilmente anche nei mercati italiani di verdure

farina di legumi (besan)

3 pomodori maturi

2 fette spesse di zenzero

1 cipolla

1 spicchio d’aglio

2 peperoncini verdi freschi

spezie : polvere (e semi) di cumino, polvere di hing, coriandolo secco (dhania powder), peperoncino, haldi powder (curcuma), miscela di spezie garam masala, cardamomo (2 o 3 pezzi)

olio per friggere

sale

coriandolo fresco tritato (da aggiungere a fine cottura)

 

DUBBI NELLA LISTA DELLA SPESA? Consulta il Dizionario A Z delle spezie e degli alimenti della cucina indiana

 

1 Ma come appare di preciso questa strana zucca verde? Più o meno così. Imparate a riconoscerla ai banchi del mercato (e costa pochissimo). Può anche avere forme diverse, più larga, più schiacciata, più ovale, ma in genere il sapore non cambia.

BOTTLE-GOURD-LAUKI-3

2 Pelate la zucca, togliete i semi all’interno (almeno quelli più duri) e grattugiatela. Unite alla polpa della farina di legumi, quel tanto che basta per formare una pasta non troppo appiccicosa e facilmente modellabile. Mentre state ancora lavorando la pasta aggiungete un cucchiaino di polvere di cumino.

lauki koft-4

3 Formate delle palline con le mani. Aiutatevi con un po’ di farina nelle dita se vi si appiccicano troppo perchè la pasta è umida.

lauki koft-5

4 Scaldate dell’olio di semi e tuffate le palline per qualche minuto. Tiratele fuori quando saranno marroncine e ben  cotte. Se siete indecisi le prime volte potete aprirne una per vedere se è asciutta all’interno oppure no. Ecco l’aspetto che devono avere una volta fuori. Io non riesco mai a farle tutte uguali, spero riusciate ad essere più precisi di me.

lauki koft-6

5 Ora preparate il curry, cioè la salsa nella quale le polpette andranno a nuotare. Come per molte altre ricette la base è un trito al mixer di cipolla, aglio, zenzero e peperoncini. Scaldate un filo d’olio, aggiungete un cucchiaino di semi di jeera (cumino), un pizzico di polvere di hing e versate poi il soffritto.

lauki koft-7

6 Dopo qualche minuto aggiungete anche i pomodori freschi passati al mixer, il sale e tutte le spezie. Mettete solo pochissimo haldi powder , il piatto non deve colorarsi troppo di giallo. Due cucchiaini di polvere di coriandolo, mezzo di garam masala, il cardamomo schiacciato e il peperoncino rosso a piacere. Lasciate insaporire qualche minuto e poi aggiungete dell’acqua, circa tre tazze. Continuate la cottura a fiamma bassa e coprendo la pentola con un coperchio. Controllate e girate di tanto in tanto.

lauki koft-8

7 Dopo circa 30 minuti potete scoprire la salsa per far evaporare l’acqua secondo la consistenza desiderata (a volte nei ristoranti servono versioni molto dry di questo piatto mentre a casa si prepara una salsa liquida che è quasi una zuppa). Scegliete la densità che preferite. Io in genere faccio una via di mezzo tra la ricetta da take away a quella casalinga. Tuffate quindi le polpettine e una buona manciata di foglie di coriandolo fresco tritate.

lauki koft-9

 

CHE NE PENSI? Se il post ti è piaciuto, se hai domande oppure ho dimenticato qualcosa, lascia un commento. Sarò lieta di rispondere.