Peperoni ripieni di patate, arachidi e spezie

shimla mirch (1 di 1)-9

In India il consumo dei peperoni dolci è una moda abbastanza recente, i giovani li apprezzano ma le persone mature li guardano ancora diffidenza, stessa cosa accade con i funghi. La prima cosa a incuriosirmi è stato il nome con cui comunemente vengono identificati: Shimla mirch. Che c’entra l’Himachal Pradesh? E perchè non a tutti piacciono queste verdure? Così ho googolato:

Why is Capsicum called Shimla Mirch?

Ed ecco la risposta a entrambe le domande. La coltivazione dei peperoni è stata introdotta dagli inglesi durante gli anni del loro governo, le piantagioni si trovavano intorno alla loro capitale estiva, la città di Shimla, e fino a pochi decenni fa erano considerati un sapore esotico, dolciastro (e costavano molto). Ora i peperoni si possono trovare ovunque e a buon mercato ma c’è ancora chi nei menù li schiva o non ha neanche provato a cucinarli, io li adoro soprattutto nelle ricette indiane e oggi ve li propongo ripieni di un composto di patate, arachidi e spezie.

 

Per questa ricetta avete bisogno di :

peperoni verdi di piccole dimensioni (devono essere farciti e non rompersi, più piccoli sono e meglio è)

patate bollite (almeno 3 o 4)

arachidi al naturale (non tostate nè salate in superficie)

una fetta spessa di zenzero

una cipolla grande

due peperoncini verdi indiani (facoltativo, se siete abituati a mangiare piccante)

olio

sale

spezie: curcuma (haldi), polvere di coriandolo secco (dhania powder), polvere di mango (amchur), peperoncini rossi (red chillies), garam masala, polvere di cumino (jeera powder)

semi di cumino

polvere di hing

coriandolo fresco tritato

mezzo limone

 

Dubbi nella lista della spesa? Consulta il Dizionario A – Z delle Spezie e degli Alimenti della Cucina Indiana

 

1 Per prima cosa lessate le patate, schiacciatele e fatele freddare.

shimla mirch (1 di 1)

2 Frullate nel mixer la cipolla, la fetta di zenzero, le arachidi al naturale sbucciate e i peperoncini verdi fino ad ottenere un composto cremoso.

shimla mirch (1 di 1)-2

3 Fate scaldare un filo d’olio in una padella, aggiungete un pizzico di hing e la crema tritata al mixer (che sarà la base del soffritto). Unite subito anche il sale e le spezie: un cucchiaino di haldi, di dhania powder e di polvere di cumino, mezzo cucchiaino di garam masala e di amchur. Regolate la polvere di peperoncini rossi in base al vostro livello di tolleranza.

shimla mirch (1 di 1)-3

4 Fate cuocere a fuoco lento la miscela di cipolla, noccioline, zenzero e spezie, mescolando spesso, fino a che non prende colore e inizia ad asciugarsi.

shimla mirch (1 di 1)-6

5 A questo punto unite anche le patate bollite e fate insaporire per circa 10 min. Girate spesso per evitare che si attacchi tutto alla padella, al termine guarnite con foglie di coriandolo fresco tritato.

shimla mirch (1 di 1)-4

6 Mentre preparate il ripieno lavate i peperoni. Tagliate la parte superiore e mettetela da parte. Svuotate ogni pezzo dei semi.

shimla mirch (1 di 1)-5

7 Farcite ciascun peperone con il composto di patate aiutandovi con un cucchiaio. Al termine ricomponete ogni pezzo con il proprio picciolo.

shimla mirch (1 di 1)-7

8 Fate scaldare in una padella dai bordi alti quattro cucchiai d’olio, quando è caldo unite semi di cumino e un pizzico di polvere di hing. Posizionate quindi i peperoni con delicatezza, coprite con un coperchio e fate cuocere a fiamma bassa venti minuti (controllandoli e girandoli di tanto in tanto). Proseguite la cottura per altri 10 minuti senza coperchio, prima di servire aggiungete il succo di mezzo limone.

shimla mirch (1 di 1)-8

 

CHE NE PENSI? Se il post ti è piaciuto, se hai domande oppure ho dimenticato qualcosa, lascia un messaggio. Sarò lieta di rispondere.