Il Presepe di Sabbia di Rimini

rimini-natale-1-of-1

Modellare la sabbia è una delle prime cose che si imparano da bambini, quasi un istinto. Da un materiale semplice l’immaginazione prende vita solo per poche ore, a volte minuti. A Natale le montagne di sabbia messe a riposo per l’inverno nelle lunghe spiagge di Rimini diventano monumenti, statue e sfondi per un presepe artistico molto originale. La sabbia che prende forma e si trasforma in qualsiasi cosa, una creatività spettacolare e a impatto zero, preziosa perché solo passeggera.

rimini-natale-1-of-1-2

Scultori di sabbia provenienti da tutta Europa hanno lavorato al progetto con precisione maniacale, anche osservando attentamente sarà difficile trovare errori nell’attenta riproduzione dei monumenti. Il tema di quest’anno è “Dio nel mondo: le 7 meraviglie“, sette luoghi in diverse nazioni a rappresentare i tanti volti di un’unica anima. Una divinità universale e onnipresente che è molto di più di un nome o di un’etichetta.

rimini-natale-1-of-1-3

All’interno di tenda gigante allestita nell’area di Marina Centro sono state ricostruite le forme di San Basilio, la cupola di San Pietro, le torri slanciate della Sagrada Familia, le intricate architetture di Angkor Wat, la silhouette appuntita della cattedrale di Reykjavik. Ma la prima immagine che si nota entrando è la Basilica di San Benedetto da Norcia così come appare oggi, distrutta dal terremoto, un immagine simbolica di fragilità ma anche una speranza di rinascita. Parte dell’incasso della vendita dei biglietti d’ingresso (2 euro a persona) sarà destinato proprio a Norcia. Un motivo in più per visitare il presepe e acquistare un souvenir per beneficenza.

rimini-natale-1-of-1-6

Un monumentale scenario di sabbia con effetti speciali che riproducono le luci del giorno e la notte, isolano o evidenziano i singoli soggetti del presepe o le architetture. Ho apprezzato particolarmente la scelta del Lotus Temple di Delhi, un edificio religioso nel quale ogni persona può pregare il suo dio, non si svolgono funzioni vere e proprie ma solo preghiere in silenzio, la spiritualità sopra ogni cosa, senza etichette etniche o geografiche. Azzeccatissima anche la Sagrada Familia che dal vivo sembra già un enorme castello di sabbia modellato con le dita. E accanto alla natività anche i Re Magi, il bue e l’asinello, angeli, pastori e pecorelle, nel pieno della tradizione.

rimini-natale-1-of-1-5

Creatività, meraviglia, e un’importante campagna di crowdfounding. Un presepe esteticamente bello ed eticamente buono. Rimini presenta una sua nuova vocazione, quella di meta turistica natalizia, non solo con le sculture di sabbia ma anche con attrazioni per coinvolgere le famiglie con piste di ghiaccio per pattinare, spettacoli, ristoranti, etc. Senza contare che passeggiare sulla spiaggia deserta e pacifica è spettacolare. Se il mare d’estate è una foresta di ombrelloni e persone, il mare d’inverno in una giornata di sole è rilassante come nient’altro al mondo e sembra essere lì tutto per noi con la sua voce che viene e che va.

rimini-natale-1-of-1-4

 

CHE NE PENSI? Se il post ti è piaciuto, se hai domande oppure ho dimenticato qualcosa lascia un commento. Sarò lieta di rispondere.