La Notte dei Menestrelli e la Processione del Lume

corciano festival (1 of 1)

L’aria fresca delle serate estive, la luce dei lampioni e l’atmosfera di festa per le vie di uno dei borghi medievali più belli d’Italia, cosa c’è di meglio che una passeggiata a lume di candela lenta e romantica, accompagnata da canzoni e stornelli? Corciano è un piccolo scrigno e il suo Festival nel mese di agosto riesce sempre a proporre eventi e spettacoli interessanti e di genere diverso, uno dei più particolari è sicuramente la Notte dei Menestrelli, un corteo di musici e attori che passa per i vicoli del borgo fermandosi sotto i balconi di quattro dame da corteggiare le quali accetteranno, o meno, la proposta lanciando una rosa dalla finestra. 

corciano festival (1 of 1)-2

Ma prima di scoprire quali saranno le sorti delle storie d’amore di quattro giovani in abiti rinascimentali è d’obbligo una sosta alla Taverna del Duca. Dopo aver passato la fila e lasciato le ordinazioni si scende in una cantina in pietra per calarsi nelle atmosfere dei banchetti medievali e rinascimentali. I sotterranei duecenteschi dell’edificio sono una location perfetta, non mancano tavoli di legno, decorazioni e bicchieri in coccio ma con un po’ di delusione vedo che i piatti sono di carta. Tutto sarebbe stato più buono e bello con un servizio di arte povera. Dopo una lauta dose di bevande (l’atmosfera della cantina sotterranea spinge proprio ad alzare il gomito) si passa alla cena vera e propria, l’antipasto è poco abbondante e asciutto ma in compenso bucatini sono saporiti e i tozzetti al moscato semplici ma divini.

corciano festival (1 of 1)-3

Il rullo di tamburi avvisa tutti coloro che stanno gozzovigliando in taverna che lo spettacolo sta per iniziare. In un attimo il locale si svuota e tutti si spostano verso le vie del centro per seguire i menestrelli e conoscere i personaggi che animeranno la serata.  In realtà la tradizione di fare una serenata sotto alla finestra di una ragazza (per convincere lei e la sua famiglia ad accettare le nozze) è un’usanza che in parte ha sopravvissuto al passare del tempo, mi ricordo i racconti di mia nonna, cresciuta nella civiltà contadina umbra.  Questo tipo di corteggiamento non perde mai il suo fascino e mi è capitato di assistere anche a delle varianti più moderne negli ultimi anni, stornelli, fisarmoniche e canzoni, con al termine buffet all’aperto e scherzi vari organizzati dagli amici.

corciano festival (1 of 1)-9

Quindi la serenata, nella quale il pretendente si faceva accompagnare da qualcuno che sapeva suonare, “discorrere” e cantare, non è solo patrimonio del passato remoto ma anche di quello prossimo, parlate con qualcuno che ha almeno sessanta anni e ve le saprà raccontare, soprattutto se è cresciuto in campagna piuttosto che in città. L’atmosfera elegante e romantica di questa serata del Corciano Festival propone è un corteggiamento timido ben lontano dai costumi di oggi che fa ricordare Romeo e Giulietta o l’epica cavalleresca.

corciano festival (1 of 1)-4

Musici, cantori, versi giunti a noi dal medioevo e dal rinascimento, atmosfere e colori che riportano in vita per qualche ora un tempo che non c’è più. Ma l’evento è eterogeneo e si intervalla alla commedia in dialetto perugino, c’è anche spazio per un sorriso nei  divertenti sipari degli attori impegnati in scene buffe ispirate alla vita domestica. E …tutti a tifare per le donne nei battibecchi coniugali (perchè altrimenti non potrebbe essere).

corciano festival (1 of 1)-5

Il giorno seguente (14 agosto, da mettere in calendario per l’anno prossimo) si svolge la Quattrocentesca Processione del Lume, una tradizione suggestiva che riporta in vita il passato attraverso un corteo storico e religioso guidato da orazioni latine che riprende antichi riti legati alla città e alla festa dell’Assunta.

corciano festival (1 of 1)-7

L’evento è annunciato in piazza dal banditore, si raggruppano i figuranti e le confraternite, arrivano i musici e le ragazze che con abiti color crema portano i lumi. Il coro accompagna con laudi sacre la donazione del cero alla chiesa di Santa Maria Assunta da parte della magistratura di Corciano. Il corteo cammina per i vicoli tra la luce di piccole candele e preghiere tratte anche dal Conto di Corciano, un racconto cavalleresco trecentesco che narra della fondazione leggendaria di Corciano per opera di Coragino, personaggio mitico in fuga da Troia distrutta e giunto con la sua famiglia in queste terre dell’Umbria.

corciano festival (1 of 1)-6

Il mondo pagano e quello cristiano si incontrano così come i turisti e i devoti al culto di Maria, le lanterne nel buio della notte aggiungono un fascino particolare a questa manifestazione che è davvero unica del suo genere.  Il ciclo delle rievocazioni storiche si è chiuso poi il giorno di Ferragosto con il grande Corteo Storico nel quale oltre trecento figuranti in abiti rinascimentali hanno sfilato come ogni anno accompagnando il gonfalone del Bonfigli e il rilascio dei prigionieri (il mio fotodiario della giornata conclusiva lo trovate in questa pagina).

corciano festival (1 of 1)-8

 

CHE NE PENSI? Se il post ti è piaciuto, se hai domande oppure ho dimenticato qualcosa lascia un commento. Sarò lieta di rispondere.