Le Crete Senesi in luglio : da Arbia a Lucignano d’Asso

siena crete senesi (1 di 1)

Se non sapete dove cuocervi come una cotoletta panata in un caldo sabato di luglio ve lo trovo io il posto giusto. Aria bollente, sole che picchia in testa ma un paesaggio lunare, dai colori caldi che oscillano dall’ocra al rosso vinaccia, distese dorate di grano, il fruscìo delle spighe che ondeggiano. Un paesaggio che in autunno e in primavera è incantevole ma in piena estate diventa un pezzetto di Marte. Sfidate l’afa e fatevi un giro. Quanta fatica ma che spettacolo!

siena crete senesi (1 di 1)-2

Andar per le Crete Senesi in uno dei giorni più caldi dell’anno è una furbata da manuale, dopo aver rimpianto per mezzora la scelta il resto del giorno l’ho passato con la mascella spalancata. E Cupido in aria che lanciava frecce al vento. E’ stato subito amore. Ma come in tutte le più belle storie romantiche c’è sempre un po’ da faticare.  Ero passata più volte per quelle strade ma nessuna stagione meglio dell’estate ne tira fuori la bellezza, con il caldo cocente, il sole che schiaffeggia e i campi di grano dorati. Sarà questo il profilo più bello delle Crete? Per me si. Io voto luglio (basta portarsi un frigo con dell’acqua ghiacciata, abiti leggeri, crema solare, un paio di magliette di ricambio, liquirizie, buona volontà, sali per riprendersi e una spugna con l’aceto).

siena crete senesi (1 di 1)-6

Dalla campagna si godono i migliori panorami silenziosi di Siena e le colline più belle mai modellate da mano non-umana. Sono paesaggi da amare e assaporare a piedi, lentamente, cercando i centri minori e non solo i borghi più gettonati dai turisti. Io adoro quel percorso che da Arbia si riallaccia ad Asciano. Emozionante è percorrere a piedi la Strada delle Biancane, una salita conduce su di una spianata dove sono state posizionate alcune sculture futuristiche di Jean Paul Philippe , il Site Transitoire. Per quanto la vista di questi blocchi squadrati sia un bel contrasto con il paesaggio l’attenzione di certo se ne va a tutto ciò che c’è intorno, le colline metallifere, i laghetti e le aree brulle. La terra arida e spaccata, come tante crepe, che pare quasi grigia argento. Una vista  bellissima ma preferite l’alba e il tramonto, io mi ci sono trovata a mezzogiorno sentendomi un ghiacciolo in microonde.

siena crete senesi (1 di 1)-3

Attraversando un lungo viale di cipressi si giunge al Castello di Leonina, antica dimora nobile, poi grancia campestre, oggi la struttura in mattoni rossi ospita un hotel di lusso, e altre file di cipressi, casali e onde nel paesaggio. Il silenzio più assoluto, non ho incontrato una mezza in persona in giro per il sentiero, al massimo qualche motociclista lungo la via percorribile in auto, c’erano solo il sole, il profumo di campagna, linee ondeggianti e sinouse, qualche cipresso e concerti polifonici di grilli e cicale.

siena crete senesi (1 di 1)-4

Tornati in auto si può percorrere la strada che porta ad Asciano, per cambiare invece proviamo ad andare a San Giovanni D’Asso, cittadina che si riconosce dal castello di forme squadrate, lo vedrete subito perchè pare un grande scatolone messo in cima a un’altura. Scopriamo che è famosa per il tartufo, ma noi abbiamo già mangiato e non possiamo metterci a provare i prodotti locali al ristorante. Come al solito saccheggio qualche bottega per comprare il formaggio, nei dintorni di Siena i vari di tipi di pecorini & Co sono sempre una garanzia. Entrati nel borgo vediamo api della piaggio color cartazzucchero, case di pietra e una bellissima pieve romanica (che purtroppo però trovo chiusa). Ma ho scelto questo posto per un motivo, sono curiosa di vedere il Bosco della Ragnaia, un percorso nel verde tra giardini artistici, opere contemporanee, citazioni e simboli da interpretare. Luogo molto interessante ma non proprio fresco, mi prometto di visitarlo ancora quando le temperature saranno più clementi.

siena crete senesi (1 di 1)-8

Ma c’è ancora qualcosa che ci incuriosisce, e che andiamo a cercare aiutandoci con navigatore e google map del cellulare.  Lucignano D’Asso, il paese che non c’è, sperduto tra le colline, collegato dai centri più grandi da una piccola strada di ghiaia che si prende al bivio di una minuscola chiesa. Il borgo conta una manciata di case, una residenza nobile con vista pazzesca, qualche gattino e una bottega. C’è un piccolo bar – alimentari – tuttofare, come quelli di una volta, e la signora tiene le lattine dentro a una tomba etrusca perchè lì c’è più fresco, e lo credo bene! Mi affaccio e chiedo di entrarci dento, mi lascia curiosare perchè è davvero gentilissima.

siena crete senesi (1 di 1)-11

Lucignano d’Asso è un luogo piccino piccino, ma per gli amanti della Toscana rurale è imperdibile. Gradini di pietra, case dalle mura gialle e persiane marroni, o di tinte più tenui. Lucignanum Longassum, il nome, altisonante  è stato dato dai gli antichi romani  ma l’aspetto attuale è quello di una realtà rurale in miniatura, appartenente ad un epoca passata. Le panchine pubbliche, mura spesse, carretti e cariole, l’agricoltura come fonte primaria di lavoro e materie prime.  L’unico motore che si sente è quello di qualche trattore in lontananza, niente macchine… e nemmeno persone. Sarà il luogo, sarà l’ora, sarà il caldo ma dopo un po’ inizio a non capire più nulla, ad avere i miraggi come nel deserto.

siena crete senesi (1 di 1)-10

Anche la via del ritorno è ancora una collezione di sensazioni e immagini. Verrebbe voglia di fermarsi ogni cento metri per osservare l’orizzonte e scattare una foto, tutto sembra messo in ordine con pazienza, da uno scenografo, o forse da un giardiniere. Con il caldo c’è quasi una foschìa nel cielo, le file di cipressi con  le figure scure e slanciate sono ancora più visibili nella campagna dorata, in primavera è invece tutta una scala di verdi, con distacchi cromatici meno netti. Lungo la strada le insegne di agriturismi, hotel, qualche bar familiare e aziende agricole. Ancora un panoroma di Siena, ma questa volta dalla superstrada, durante la pausa caffè. Decisamente meno magico, neanche paragonabile al profilo della città che si vede dalla strada di Leonina.

siena crete senesi (1 di 1)-7

 

CHE NE PENSI? Se il post ti è piaciuto, se hai domande oppure ho dimenticato qualcosa, lascia un commento. Sarò lieta di rispondere.