Tante cose da fare a Dubai gratis (o quasi)

2011 Le mille e una notte 018-3

Vorreste approfittare del vostro transito a Dubai per visitare la città? Toccate il porto con una nave da crociera ma avete già speso una buona somma per pagare il viaggio? Nessun problema. Dubai è una città costosa e lussuosa ma può offrire tanto anche a chi cerca di contenere le spese. I luoghi da vedere e le cose da fare gratis non mancano. La metropolitana passa anche per l’aeroporto e funziona a meraviglia, i taxi hanno prezzi ragionevoli e molte attrazioni non prevedono alcun biglietto d’ingresso. Malgrado l’apparenza ultrasnob Dubai è un luogo per tutte le tasche (almeno in vacanza).

dubai-2

 

UN GIRO AL DUBAI MALL

In genere non vado matta per i centri commerciali ma questo merita veramente la sua fama. Si tratta di un complesso di negozi di dimensioni pachidermiche proprio ai piedi del Burj Khalifa che include anche un souk dell’oro interamente costruito in marmi pregiati, boutiques dalle architetture accattivanti (che passano dallo stile ipermoderno alla lampada di Aladino) una piazza con fontane danzanti, uno scheletro di dinosauro, una pista per pattinare su ghiaccio, un caffè che riproduce le atmosfere della foresta pluviale e un gigantesco acquario, così grande da contenere non solo pesci di ogni tipo, scenografie marine e tunnel sotterranei in cristallo ma anche sub in immersione (accanto agli squali). Ne uscirete storditi, confusi e probabilmente con un vistoso mal di testa. Ma di certo non vi capiterà troppo spesso di vedere un mall così variegato e delirante come quello di Dubai.

dubaimall-2

 

UNA PASSEGGIATA SULLA SPIAGGIA DELLA “VELA”

L’hotel Burj Al Arab sarà uno dei più prestigiosi e cari al mondo ma passeggiare sulla sua spiaggia (libera) non costa niente ed è piacevolissimo. Una lunga striscia di sabbia dorata e fine, popolata di giorno e ancora di più al tramonto. C’è un piacevole silenzio nonostante sia uno dei punti centrali della città.

dubai vela-2

 

SCOPRIRE IL SOUK DELLE SPEZIE

Se al Dubai Mall come me avete fatto solo window shopping spaventati dalle cifre segnate sui cartellini, al souk delle spezie e nei mercati tradizonali potrete veramente darci dentro con gli acquisti. Negozi di ogni tipo che espongono prevalentemente prodotti per la cucina, profumi, essenze, montagne di spezie, fiori essiccati, frutta e zuccherini. Una passeggiata per conoscere il lato più autentico e in qualche modo “antico” della città e avvicinarsi alla sua identità precedente al boom economico ed edilizio degli ultimi decenni. Lontani dai grattacieli, dagli hotel extralusso e dalle file di Suv parcheggiati fuori dai locali, Dubai saprà davvero stupirvi e vi trascinerà tra vicoli stretti e rumorosi, colori e profumi del Medio Oriente.

dubai souk

 

PERDERSI TRA I VICOLI DI MADINAT JUMEIRAH

Vagate senza fretta nella rete di canali di questa piccola Venezia araba in miniatura, non si paga alcun biglietto d’ingresso e potrete passare almeno un’ora circondati da atmosfere da Le Mille e una Notte sapientemente costruite a tavolino. Artificiale si, ma con ingegno. Un’intricata laguna (che con una quindicina di euro potrete anche navigare) e un dedalo di vie nelle quali si incontrano architetture da sogno e oggetti d’artigianato di qualità. Nel grande mercato coperto non mancano ristoranti, bar, artisti della ceramica e del vetro, fontane, piazze e anche la ricostruzione di un accampamento nomade.

medinat jumirah-2

 

AVVICINARSI ALLA STORIA DI QUESTA CITTA’

L’Heritage Village è una specie di museo a cielo aperto, con tanto di figuranti in costume pronti a spiegare usanze e antiche tradizioni, far assaggiare cibi e bevande e dare il benvenuto a tutti coloro che mostrano interesse per la storia del luogo. Una via di mezzo tra un set cinematografico e un memorial per ricordare il passato e non perdere le tracce della vita tribale nel deserto prima del grande salto. L’ingresso è libero ma il sito apre solo di pomeriggio. Osservate le porte decorate e le torri del vento, particolari costruzioni rettangolari che erano in passato una specie di proto-aria-condizionata per difendersi dal caldo soffocante. Il luogo ideale per relazionarsi con nuove persone, conoscere usi e costumi e chiacchierare un po’.

dubai heritage-2

 

CURIOSARE AL MERCATO DELL’ORO

Tra i mercati tradizionali di Dubai non si può dimenticare il famoso souk dell’oro, un autentico labirinto di gioiellerie, una attaccata all’altra, con vetrine sfavillanti nelle quali oro, brillanti e pietre preziose sono esposti come fossero frutta e verdura, o giornali in un’edicola. Vi bruceranno gli occhi davanti al continuo scintillìo. Tra un negozio e l’altro cambiano gli stili e le tipologie (ed è tutto realizzato a mano), si incontrano curiosità (come l’anello più grande del mondo) ma anche esagerazioni (tipo i ciucci per neonati e gli smalti per unghie… in oro). E quando penserete di aver visto tutto vi troverete davanti ad un distributore automatico come tanti, ma al posto del caffè escono fuori dei… lingotti!! Ovviamente non ha fessure per far cadere le monetine ma ingoia volentieri carte di credito offlimits. Davvero troppo? La risposta è SI. Ma vale la pena vederlo con i propri occhi almeno una volta.

dubai souk-2

 

GUSTARSI L’ATMOSFERA DEL CREEK

Prima che la Dubai “di un tempo” diventasse la Dubai che tutti conosciamo, era poco più che un villaggio raccolto intorno alle sponde del creek, il canale cittadino di che si tuffa nel Golfo Persico. La linea d’acqua salata traccia un confine tra i quartieri di Bur Dubai e Deira ed è un luogo perfetto per rilassarsi senza spendere troppo. Prendete un tè, o un caffè, seduti in uno dei tanti locali all’aperto, spostatevi da una sponda all’altra a bordo di un’abra, l’mbarcazione tradizionale in legno, godetevi il fresco della sera mangiando un menù tipico accoccolati tra morbidi cuscini.

dubai creek-3

 

CHE NE PENSI? Se il post ti è piaciuto, se hai domande oppure ho dimenticato qualcosa lascia un commento. Sarò lieta di rispondere.