parchi a tema

Un giro a Frontierland tra canyon e cowboys

frontierland (1 di 1)-2

Da ragazzini tutti hanno sognato di essere un cowboy prima o poi, complici anche quei film così duri e spietati sulla legge del piu forte, che non erano certo roba da trasmettere in tv a qualsiasi ora del giorno ma ciò accadeva quasi sempre, soprattutto nei pomeriggi d’estate. Ora non riesco piu a guardarli ma devo dire che i duelli tra la polvere del deserto, le inquadrature delle mani che cercano la rivoltella nella fondina, sguardi di sfida e colonne sonore epiche sono ingredienti molto magnetici sullo schermo, grande o piccolo che sia. Frontierland tra le varie are di Disneyland è quella che strizza l’occhio più agli adulti, rimettendo in moto tutto il loro background di informazioni visive accumulate negli anni, e naturalmente la nostalgia di canyon, cavalcate e famigerati saloon.

Read More»

Fuori dalla macchina del tempo (a Main Street USA)

disneyland paris-2

Tra le tante suggestioni romanzesche e sogni irrealizzati dell’uomo la macchina del tempo è un vero classico. Chi non vorrebbe programmare dei tasti e sentirsi catapultare in un mondo che non ha potuto conoscere e vivere? Chiudere gli occhi un attimo e riaprirli con nuove musiche, odori, abiti e mezzi di trasporto. A parte i personaggi dei film e le loro storie l’altra carta vincente dei parchi Disney è questa. Il desiderio di entrare fisicamente nel passato, e potendo scegliere prenderne solo il meglio. E se è vero che il buongiorno si vede dal mattino (e i costruttori dei parchi a tema sono veri maestri di marketing) l’ingresso deve avere un’importanza assoluta. Non si entra subito tra giochi, attrazioni (e file chilometriche) ma si passa all’interno di un specie di ombelico introduttivo che riporta in vita l’America di inizio Novecento: Main Street USA.

Read More»

Tivoli, il parco vintage di Copenhagen

tivoli park-9

Il Tivoli Park è una cartolina dal passato, quelle con i disegni a pastello piuttosto che foto patinate. E ci si entra dentro con un salto, come Mary Poppins e il suo ombrellino.  La bellezza di questo luogo non sta nelle attrazioni, nei giochi o nelle architetture ma nel fascino vintage, nell’atmosfera di un’epoca che non c’è più. Elegante, come le cose di una volta, realizzate per durare e con materiali pregiati.  In realtà è una parco a tema piuttosto piccino (ma creatore di tutto il filone, incluso Disney e dintorni). Non è un vero resort dove passare più di una giornata ma piuttosto un giardino dei divertimenti con angoli che ricreano ambientazioni esotiche e giochi per adulti e bambini. Esci e non ti ritrovi in periferia davanti al nulla (o a un mega parcheggio) ma in pieno centro, tra le vie pedonali. 

Read More»
Share On Facebook
Share On Twitter