ricette indiane vegetariane

Peperoni ripieni di patate, arachidi e spezie

shimla mirch (1 di 1)-9

In India il consumo dei peperoni dolci è una moda abbastanza recente, i giovani li apprezzano ma le persone mature li guardano ancora diffidenza, stessa cosa accade con i funghi. La prima cosa a incuriosirmi è stato il nome con cui comunemente vengono identificati: Shimla mirch. Che c’entra l’Himachal Pradesh? E perchè non a tutti piacciono queste verdure? Così ho googolato:

Why is Capsicum called Shimla Mirch?

Ed ecco la risposta a entrambe le domande. La coltivazione dei peperoni è stata introdotta dagli inglesi durante gli anni del loro governo, le piantagioni si trovavano intorno alla loro capitale estiva, la città di Shimla, e fino a pochi decenni fa erano considerati un sapore esotico, dolciastro (e costavano molto). Ora i peperoni si possono trovare ovunque e a buon mercato ma c’è ancora chi nei menù li schiva o non ha neanche provato a cucinarli, io li adoro soprattutto nelle ricette indiane e oggi ve li propongo ripieni di un composto di patate, arachidi e spezie.

Read More»

Shahi Paneer, triangolini di formaggio in una salsa rosa

shahi paneer (1 di 1)-8

La cucina indiana è in gran parte vegetariana, ma anche nella top ten dei gusti degli onnivori in India si trovano piatti senza carne nè pesce. Uno dei più amati al Nord (e richiesti nei menù dei ristoranti) è lo Shahi Paneer: triangolini di formaggio fresco galleggianti in una salsa cremosa, piccante, ma anche un po’ dolce. Obbligatorio mangiarlo in compagnia del pane naan (meglio se cotto nel forno tradizionale tandoor). Difficile riprodurre in Italia il sapore particolarissimo della cottura tandoor (a meno che non si possegga un forno apposito) ma almeno con lo shahi paneer ci si muove facilmente con fai da te. Avete imparato a fare il formaggio indiano? Pronta la materia prima gli altri passaggi saranno veloci e semplici.

Read More»

Preparare velocemente un Mango Lassi

mango lassi

Questa volta non si tratta proprio di una ricetta, in realtà gli ingredienti sono pochi e il procedimento così semplice da essere immediato. Tuttavia prima di imboccare la strada giusta ho fatto diversi errori con il lassi alla frutta, a volte usavo solo lo yogurt, altre solo il latte. Altre ancora lasciavo fuori un elemento essenziale : lo zucchero. Si perchè le bevande dolci in India non sono mai dolci così così ma dolci tanto. Seguendo la mia abitudine di non aggiungere zucchero mai su niente facevo uno sbaglio costante, e non riuscivo mai a ricreare un sapore neanche simile a quello del Mango Lassi indiano. Preparate latte, yogurt e un bel mango maturo da trasformare in una bevanda super appagante e fresca. L’estate è finita? Echissenefrega.

Read More»
Share On Facebook
Share On Twitter